Havlicek, la dinamo umana

2075
Ultimo aggiornamento il
Registrati
Telegram

John Havlicek in sintesi

Una macchina dal moto perpetuo. Una dinamo umana. Queste sono solo alcune delle definizioni che possono essere attribuite a John Havlicek, forse – secondo Sports Illustrated – il più versatile giocatore nella storia della Nba.

Membro chiave di due generazioni dei Boston Celtics, Havlicek fu il sesto uomo per antonomasia negli anni Sessanta per poi trasformarsi nel veterano fidato che portò due squadre piene di giovani ai titoli del 1974 e del 1976.

Celebre per aver fornito sempre prestazioni di grande livello nelle partite decisive, Havlicek ha messo a referto numeri impressionanti durante la sua carriera durata ben 16 anni. In 1.270 partite di regular season ha segnato 26.395 punti e una media di 20.8 punti.

Ha anche preso 8.007 rimbalzi, registrato 6.114 assist e ha vinto otto campionati con la divisa dei Celtics. È apparso in 13 consecutivi NBA All-Star Games, ha guadagnato 11 selezioni per la prima o seconda squadra All-NBA ed è stato nominato per otto volte nella prima o seconda squadra NBA All-Defensive.

Biografia e carriera di John Havlicek

Figlio di immigrati cecoslovacchi, Havlicek nacque nella piccola città di Martins Ferry, nell’Ohio, dove vivevano minatori di carbone e lavoratori dell’industria siderurgica. Da ragazzo amava correre da e verso la scuola o da un miglio a un altro su un’autostrada locale.

Alla Bridgeport High School, Havlicek giocò a basket, a baseball e a football. Una selezione di tutti gli stati in tutti e tre gli sport, era un quarterback molto stimato che poteva lanciare la palla per 80 yard. Scelse Ohio State come università, concentrandosi sul basket e segnando 14.6 punti per partita in tre stagioni, giocando per i Buckeyes con Jerry Lucas, Bobby Knight e il futuro compagno di squadra dei Celtics Larry Siegfried. Con Ohio State vinse un campionato NCAA nel 1960.

Dopo la sua stagione da senior, Havlicek è stato selezionato per due campionati sportivi da professionista: i Cleveland Browns della NFL lo hanno selezionato nel settimo round del Draft NFL del 1962, e i Boston Celtics dell’NBA lo hanno draftato nel primo round.

Dopo aver giocato con i Browns in diverse partite di esibizione, Havlicek rivolse la sua attenzione ai Celtics. Red Auerbach in seguito disse che le sue aspettative su Havlicek fossero modeste; aveva semplicemente voluto che un giocatore finisse per riempire il ruolo del sesto uomo tenuto dal veterano Frank Ramsey.

Quando Havlicek si unì ai Celtics nel 1962, i biancoverdi avevano vinto quattro titoli NBA consecutivi. Boston era una squadra piena di talento, ma giocatori come Bob Cousy, Bill Sharman, Ramsey e Jim Loscutoff erano nella fase finale della loro carriera. L’intensità fisica di Havlicek era come una scarica di adrenalina contro l’invecchiamento della squadra.

Uscendo dalla panchina principalmente come attaccante, ha segnato una media di 14.3 punti durante il suo anno da rookie, molti dei quali sono arrivati alla fine dei famosi passaggi di Cousy in contropiede. «Mi sono guadagnato da vivere con Bob Cousy», disse spesso Havlicek.

Selezionato per l’NBA All-Rookie Team per il 1962-63, Havlicek, tra i primi dei grandi swingmen, unì la forza bruta alla rapidità: aveva anche la spinta interiore che caratterizzava “l’orgoglio dei Celtics”.

Nella stagione successiva mise a referto una media di 19.9 punti a partita e dimostrò di essere pronto ad assumere la posizione di Ramsey come sesto uomo. Nonostante il ritiro di Cousy, Boston vinse 59 partite nel 1963-64 e prevalse sui San Francisco Warriors in cinque partite per il titolo Nba, mentre Havlicek approdò alla seconda squadra All-NBA.

A Havlicek non disturbava il ruolo del sesto uomo. «Non mi ha mai infastidito», disse una volta, «perché penso che il ruolo sia molto importante per un club… Una cosa che ho imparato da Red Auerbach è che non è chi inizia il gioco, ma chi lo finisce, e io in generale sono intorno al traguardo».

Durante gli anni ’60, Havlicek diventò una forza offensiva da 18 a 21 punti per partita. Poteva colpire da qualsiasi punto della metà campo offensiva. Ha esposto il suo talento all’NBA All-Star Game del 1968, in cui ha collezionato 26 punti in 22 minuti. Inoltre, il suo migliorato controllo della palla lo rendeva altrettanto efficace in guardia quanto in avanti.

L’«uomo in movimento», come fu soprannominato in un titolo di libro, continuò a seminare i difensori sul parquet: si stimava che corresse da tre a cinque miglia a partita.

Esibiva una tremenda autodisciplina e un approccio metodico ai compiti.

Oltre alle sue impressionanti statistiche, Havlicek dimostrava un grande equilibrio. Nei momenti cruciali in cui si doveva fare un gioco decisivo, quello era “il tempo di Havlicek”. Un classico esempio di performance decisiva si verificò nella settima partita delle Eastern Division Finals del 1965 contro i Philadelphia 76ers.

A solo cinque secondi dalla sirena, deviò un passaggio in entrata di Hal Greer per far sì che i Celtics conservassero il punto di vantaggio. Questo spinse Johnny Most a gridare nel microfono, «Havlicek ha rubato la palla! Finita! Johnny Havlicek ha rubato la palla!».

Nel 1968, durante un’altra settima partita contro i Sixers nelle finali di divisione, segnò 40 punti a Philadelphia per aiutare Boston a vincere 100-96. Più tardi, nella fondamentale partita 5 delle finali NBA del 1976, affondò un miracoloso canestro contro Phoenix negli ultimi secondi del secondo supplementare per forzare un terzo periodo extra. Risultato finale: 128-126 per i Celtics che vinsero partita e campionato.

Alla fine della stagione 1968-69 la vecchia guardia dei Celtics stava passando la mano:  K. C. Jones era già in pensione, Sam Jones aveva 36 anni, Russell aveva 35 anni e “Satch” Sanders aveva 30 anni. La squadra finì al quarto posto durante la regular season. Con un grande sforzo da parte di Havlicek nei playoff, Boston sconfisse Wilt Chamberlain e i Los Angeles Lakers in sette partite per conquistare il titolo NBA: sesto titolo assoluto dei Celtics nelle sette stagioni di Havlicek.

La stagione 1969-70 pose fine alla dinastia dei Celtics: con Russell e Jones in pensione, la squadra non approdò ai playoff per la prima volta in 20 anni. Con il nuovo allenatore Tom Heinsohn, Havlicek ebbe un anno sensazionale, compiendo la rara impresa di guidare la sua squadra in tre categorie: punteggio (24.2 ppg), rimbalzo (7.8 rpg) e assist (6.8 apg).

Havlicek, il cui soprannome, Hondo, è stato ispirato dall’omonimo film di John Wayne, ha guidato una rimonta dei Celtics nei primi anni ’70. Nel 1970-71 e 1971-72 ha una media di 28.9 e 27.5 punti, rispettivamente. Nonostante abbia compiuto 30 anni nel 1970, ha una media di oltre 45 minuti a partita in entrambe le stagioni.

Come unica stella rimasta dal passato dei Celtics, Havlicek divenne il capitano di una squadra che ora comprendeva Jo Jo White, Don Chaney e il nuovo arrivato Dave Cowens. Impiegando un contropiede che riportava alla memoria i Celtics di Cousy, Boston disputò la stagione 1972-73 con un record di 68 vinte e 14 perse.

I Celtics avrebbero vinto il titolo NBA quell’anno, ma la sfortuna colpì Havlicek il quale si infortunò gravemente alla spalla nel terzo incontro delle Eastern Conference Finals contro i New York Knicks, i quali eliminarono i biancoverdi in sette partite.

Cinque anni dopo il ritiro di Russell, i Celtics tornarono in vetta alla NBA battendo i Milwaukee Bucks nella serie finale dei play-off 1974. Havlicek fu riconosciuto come il leader della nuova generazione di Celtics.

Havlicek si è ritirato con una sfilza di statistiche impressionanti. Era il leader di tutti i tempi della NBA in partite giocate all’epoca. Si è anche classificato nella top 10 della NBA in minuti giocati e in punti totali. Alla fine della sua carriera, Havlicek aveva così tanti anelli che avrebbe potuto aprire una gioielleria. Era stato in otto squadre iridate di Boston, sei con Russell e due senza. Nel 1980 è stato nominato nella Hall of Fame della NBA 35th Anniversary. Nel 1983 è stato eletto alla Naismith Memorial Basketball Hall of Fame, e nel 1996 è stato nominato per il 50° Anniversario della NBA.