Tom Heinsohn

2001
Registrati
Telegram

Tom Heinsohn in sintesi

Conosciuto per il suo stile di gioco duro, ma dotato di un eccellente tocco di palla e di un buon controllo del corpo, Tom Heinsohn fu un ingranaggio vitale nella dinastia dei Boston Celtics degli anni ’50 e ’60.

Scelto come NBA Rookie of the Year nel 1957, ha aiutato i Celtics a vincere otto titoli NBA durante i suoi nove anni di permanenza, è stato nominato per l’All-NBA Second Team per quattro anni ed è stato un All-Star per sei.

Con una media di 18.6 punti a partita in 654 gare di stagione regolare, è stato un marcatore versatile, ma è stato spesso messo in ombra da illustri compagni di squadra come Bob Cousy, Bill Sharman e Bill Russell.

Biografia e carriera di Tom Heinsohn

Nato e cresciuto a Jersey City, Heinsohn frequentò la scuola di Saint Paul of The Cross fino alla quinta classe. Poi la sua famiglia si trasferì nella vicina Union City, nel New Jersey, e venne introdotto alla pallacanestro mentre frequentava la sesta classe a Saint Joseph’s.

Da studente della St. Michael’s High School ricevette gli onori di contea. L’anno successivo è stato nominato All-American dopo aver segnato una media di 28 punti a partita. Dopo aver preso in considerazione più di 40 borse di studio, decise di iscriversi al Holy Cross College.

Heinsohn continuò a migliorare durante i suoi anni da universitario, giocando con gli allenatori Lester Sheary e Roy Leenig. Segnò 23.3 punti a partita nel suo anno da junior e da senior stabilì un record di marcature a Holy Cross con una media di 27.4 punti a partita.

I Celtics selezionarono Heinsohn come scelta territoriale nel Draft NBA del 1956, lo stesso anno in cui l’allenatore di Boston Red Auerbach strinse un accordo con i St. Louis Hawks per i diritti di un esordiente di nome Bill Russell. Auerbach era impressionato dal potenziale di Russell, ma non era particolarmente ottimista riguardo alle possibilità di Heinsohn di inserirsi nella squadra.

Come per dimostrare che Auerbach avesse torto, Heinsohn ebbe un sensazionale anno da rookie con i Celtics. Un attaccante veloce e robusto, dotato di eccezionale agilità, con una media di 16.2 ppg e quasi 30 minuti giocati per gara. Il suo tiro in salto aveva una traiettoria piatta che faceva sembrare la palla come se fosse attaccata ad una corda. Russell aiutò gli Stati Uniti ad ottenere una medaglia d’oro alle Olimpiadi del 1956 a Melbourne, in Australia, per questo ottenne il premio NBA Rookie of the Year.

I due nuovi arrivati ​​a Boston (Russel ed Heinsohn) uniti al leggendario duo formato da  Sharman e Cousy permisero di ottenere miglior record in NBA con 44-28. I Celtics avanzarono fino alle finali NBA del 1957, in cui incontrarono i St. Louis Hawks e Bob Pettit. La serie fu decisa in una memorabile Partita 7. I 37 punti di Heinsohn aiutarono i Celtics ad aggiudicarsi un eccitante vittoria per 125-123 con doppio overtime che portò a Boston il suo primo campionato NBA.

Boston vinse otto campionati consecutivi dal 1959 al 1966, e Heinsohn ne vinse sette. In quegli anni ottenne sei apparizioni All-Star e fu nominato quattro volte nella Seconda squadra All-NBA. Ebbe la sua migliore stagione offensiva nel 1961-62, quando aveva una media di 22.1 punti a partita.

Se ci sono state delle lamentele sul gioco di Heinsohn (e ce ne sono state), esse hanno riguardato la sua tendenza a tirare troppo, spesso tentando conclusioni a bassa percentuale. Durante la sua carriera, Heinsohn, soprannominato “Tommy Gun” dai suoi compagni di squadra, ha tirato con una media di due volte ogni tre minuti in cui si trovava in partita. E per ogni assist effettuato, ha tirato nove volte. Anche se a volte i media lo accusavano di essere un egoista, ai suoi compagni di squadra non sembrava importare.

«Certo, ogni tanto fa qualche brutto tiro», diceva di lui Cousy , “a lungo andare il giocatore che ha fiducia è colui che prende l’iniziativa e vince le partite per te».

Tom Heinsohn allenatore

Come allenatore dei Celtics, Tom Heinsohn ha accumulato un record di 427-263 dal 1969-78.

Nella stagione da rookie di Heinsohn come allenatore, 1969-70, i Celtics vinsero 34 partite e ne persero 48. Durante la offseason i Celtics selezionarono al draft Dave Cowens dalla Florida State. All’inizio della stagione successiva, Heinsohn posizionò Cowens a centro squadra nonostante la sua statura relativamente bassa. Don Chaney giocava in avanti mentre Jo Jo White era una guardia veloce e tagliente che andava in contropiede.

La squadra iniziò a gareggiare, vincendo 44 partite e perdendo 38 nel 1970-71. Successivamente, Heinsohn dichiarò che quella fu una delle sue stagioni più soddisfacenti al timone, in quanto i Celtics vinsero con un piano di gioco semplice ed efficace – eseguire il contropiede e utilizzare solo tre giochi. L’anno successivo Boston andò ancora meglio, con un record di 56-26 , qualificandosi ai playoff per la prima volta in due anni.

Nel 1972-73 i Celtics misero insieme il miglior record nella NBA a 68W-14L, tra cui un 32-8 fuori casa, la seconda miglior prestazione di tutti i tempi. La loro percentuale di vincita (82,9%) fu la terza più alta di sempre. Ma New York sgominò il contropiede di Boston nella finale della Eastern Conference, battendo i Celtics in sette partite.

Dopo una solida stagione con 56-26 nel 1973-74, arrivò la prima apparizione delle finali NBA dei Celtics dal 1968-69. I loro avversari, i Milwaukee Bucks con Kareem Abdul-Jabbar, erano i favoriti per la vittoria. Nella settima partita in programma a Milwaukee, Cowens segnò 28 punti e strappò 14 rimbalzi per spingere Boston alla vittoria 102-87.

La vittoria fu un’affermazione delle idee di gioco di Heinsohn. In quella che lui chiamava “guerrilla warfare”, le sue squadre mantenevano la pressione sugli avversari in ogni momento, controllando il ritmo del gioco e giocando con grande intensità.

I Celtics vinsero di nuovo il campionato nel 1975-76. Durante le otto stagioni complete di Heinsohn come allenatore, Boston vinse cinque titoli Eastern Division di fila, conquistò due campionati NBA e raggiunse un record di 416-240. All’inizio della stagione 1977-78, con i Celtics ad 11-23, Heinsohn si dimise.

Da quando si è ritirato dalla NBA, Heinsohn ha fatto il commentatore di basket per la televisione, ha gestito una compagnia di assicurazioni sulla vita e ha assecondato la sua passione per la pittura e per le belle arti. È stato eletto alla Naismith Memorial Basketball Hall of Fame nel 1986.