Riprende la sfida tra Barca e Real in Spagna, mentre in NBA sarà un weekend all’insegna dello spettacolo

NBA, Liga e Premier League: ecco tutti i big match del fine settimana

191

Il prossimo sarà un weekend all’insegna dello spettacolo e delle grandi sfide in NBA. Il campionato di pallacanestro più bello e importante del globo si avvicina a grandi falcate verso l’atteso All Star Game, preludio dell’ultima parte della stagione regolare che determinerà successivamente le squadre che prenderanno parte alla fase playoff e alla conquista dell’anello di campione NBA. La sfida più affascinante del prossimo fine settimana sarà quella tra i Rockets e i Lakers, che si giocherà nella notte italiana tra sabato 18 e domenica 19 gennaio. In casa Los Angeles, restano sotto osservazioni le condizioni di LeBron James, autentico protagonista della stagione gialloviola che a suon di canestri e giocate da fuoriclasse sta trascinando i Lakers alla posizione numero uno della sempre agguerrita Western Conference. Riusciranno gli Houston Rockets del duo delle meraviglie Russell Westbrook e James Harden (quasi 63 punti di media in due a partita) a fermare la corsa di James e compagni?

In Europa, invece, ci sarà spazio per il grande calcio, con la Liga (e con l’eterno testa a testa tra Barcellona e Real Madrid) che ritorna in campo dopo la pausa di una settimana per la Supercoppa di Spagna (vinta ai rigori dagli uomini di Zinedine Zidane nel derby contro l’Atletico Madrid del Cholo Simeone) e il big match di Premier League tra Liverpool e Manchester United, in campo domenica pomeriggio ad Anfield. In Spagna Real e Barca riprenderanno sfidandosi per la vetta solitaria della classifica, oggi appannaggio di entrambe le squadre a quota 40 punti. Blaugrana e merengues giocheranno in casa ed entrambe le squadre affronteranno due club andalusi, rispettivamente il Granada e il Siviglia, quest’ultimo quarto e in piena corsa per un posto in Champions League.

L’esito della Supercoppa spagnola, intanto, ha aperto una profonda crisi in casa Barcellona (prossimo avversario del Napoli in Champions League). Dopo la sconfitta contro l’Atletico, a finire sulla graticola è stato il tecnico blaugrana Ernesto Valverde, fortemente a rischio esonero dopo la debacle contro i colchoneros. Se l’ex Xavi Hernandez per il momento si è detto non interessato a prendere il posto del tecnico del Barcellona, in Spagna rimbalza la notizia secondo cui lo stesso Valverde sarebbe destinato, salvo sorprese dell’ultim’ora, a restare sulla panchina blaugrana fino al termine della stagione.

Chiudiamo con uno sguardo in Premier League dove il Liverpool di Jurgen Klopp non conosce più ostacoli. Dopo esser saliti sul tetto d’Europa e del mondo nel 2019, i Reds, primi in classifica in Inghilterra, hanno oggi 15 punti di vantaggio sul Manchester City di Pep Guardiola che si è ripreso nell’ultimo weekend il secondo posto. Nel prossimo fine settimana, sarà il Manchester United (quinto e in cerca di punti preziosi per la zona Champions League) a scendere in campo ad Anfield per sfidare la corazzata rossa.

Nel frattempo, Klopp si è tolto lo sfizio di certificare il momento ‘no’ del Tottenham di Jose Mourinho. Gli Spurs, oggi ottavi in Premier League e fuori da ogni posizionamento europeo, non vincono da tre partite e sono reduci da due sconfitte di fila in campionato. Una bella gatta da pelare per l’ex tecnico di Inter e Chelsea, subentrato in corso di stagione al posto dell’esonerato Mauricio Pochettino. I risultati stentano ancora ad arrivare e a Londra c’è già malumore intorno ad alcune scelte apportate dal tecnico lusitano. La prossima sfida contro il Watford della famiglia Pozzo sarà già un esame d’appello per gli Spurs. Turno facile, infine, per il City che ospiterà il Crystal Palace e per il Chelsea che giocherà in trasferta contro il Newcastle.