La stagione NBA entra nel vivo: si accende la corsa ai playoff

255
Pronostici delle prossime gare in NBA

La stagione NBA si prepara ad entrare nel vivo. Dopo la festa del weekend dell’All Star Game di Chicago, dedicato alla memoria del compianto Kobe Bryant, la leggenda del basket mondiale scomparso in seguito ad un incidente in elicottero lo scorso gennaio in California, il campionato di pallacanestro più famoso e prestigioso del pianeta ritorna in campo per un frenetico sprint di otto settimane che porterà le trenta franchigie della lega nordamericana di basket alla fine della stagione regolare. Ogni squadra dovrà ancora giocare dalle 25 alle 29 partite, successivamente si definirà il quadro dei playoff e delle 16 squadre che si daranno battaglia per l’anello.


Dopo l’All Star Game la maggior parte dei giocatori si è intrattenuta nelle isole dei Caraibi e in Florida per pochi giorni di vacanza prima della ripresa delle ostilità. Saranno 12 le squadre che per prime ritorneranno in campo nella notte italiana tra giovedì 20 e venerdì 21 febbraio: i Milwaukee Bucks di Giannis Antetokounmpo, primi nella Eastern Conference (e con il miglior record della lega) se la vedranno contro i Detroit Pistons mentre Miami giocherà contro Atlanta, Brooklyn contro Philadelphia, Charlotte contro Chicago, Memphis contro Sacramento e Houston scenderà in campo contro Golden State, quest’ultima ancora priva della sua stella Steph Curry che tornerà a giocare non prima di marzo.


Tutte le altre squadre torneranno a giocare nella notte italiana tra venerdì 21 e sabato 22 febbraio, eccezion fatta per i Los Angeles Clippers, tra le migliori squadre della Western Conference, che avranno un paio di giorni in più di pausa, prima del big match di sabato notte contro i Milwaukee Bucks.


La situazione nelle due Conference.

La maggior parte dei giochi in ottica post season sembrerebbe essere già fatta. Milwaukee potrebbe qualificarsi matematicamente ai playoff già nel prossimo fine settimana. Al momento, i Bucks stanno viaggiando ad una velocità troppo elevata rispetto alle altre, con 46 vittorie e solamente 8 sconfitte, ben 7 in meno di Toronto che è seconda nella Eastern Conference e 4 in meno dei Los Angeles Lakers di LeBron James che sono primi nella Western Conference. Sempre a Est, Toronto, Boston, Miami, Philadelphia e Indiana sono tra le favorite per un posto nei playoff, mentre a Ovest, oltre ai Lakers, quasi certe di un posto nella post season sono Denver, Clippers, Utah, Houston, Oklahoma City e Dallas. Brooklyn e Orlando proveranno a strappare il pass per gli ultimi due posti disponibili a Est; a Ovest Memphis, attualmente ottava, ha un vantaggio di 4 partite su Portland e 5 sui San Antonio Spurs di Marco Belinelli, unica squadra che non ha mai mancato l’appuntamento dei playoff dal 1997.


Classifica marcatori: Harden pronto a entrare nella storia.

James Harden degli Houston Rockets è in procinto di laurearsi miglior marcatore della regular season in NBA per la terza stagione di fila. Se ci riuscirà, il “barba” si unirà ai vari Wilt Chamberlain, Michael Jordan e Kevin Durant nel club dei giocatori che sono riusciti a vincere la classifica marcatori per almeno tre volte di fila in carriera. Harden attualmente viaggia ad una media di 35.3 punti a partita (oltre 5 punti di media davanti ad Antetokounmpo): il greco dovrebbe realizzare una media di oltre 44 punti nelle restanti partite per scalzare Harden dal primo posto.


Playoff: bentornati Lakers.

Salvo stravolgimenti dell’ultim’ora, tre delle quattro più lunghe strisce di stagioni consecutive senza playoff saranno destinate a continuare anche quest’anno. Stiamo parlando di Sacramento che, con buona probabilità, non riuscirà a qualificarsi per la fase a eliminazione diretta per il quattordicesimo anno di fila; con i Kings, anche Phoenix mancherà sicuramente l’accesso ai playoff (per la decima stagione di fila), così come New York (che non sarà ai playoff per il settimo anno consecutivo). Per i Lakers, infine, la striscia di sei stagioni di fila senza raggiungere i playoff si concluderà finalmente ad aprile.