Inter-Milan: un derby tutto da seguire!

Nerazzurri vs rossoneri per lo scudetto e per l’Europa League?

292
Nerazzurri vs rossoneri per lo scudetto e per l’Europa League?

Domenica andrà in scena la stracittadina milanese forse più interessante degli ultimi anni

Non accadeva da alcuni anni ormai che il derby tra il Biscione ed il Diavolo, che si disputerà domenica sera, fosse così interessante. Merito ovviamente di entrambe le squadre che stanno recitando, ognuna a modo proprio, un ruolo da protagonista in questo emozionante campionato di Serie A. L’Inter battagliera di Conte, desiderosa di superare i suoi limiti al fine di vincere uno scudetto che farebbe gridare al miracolo calcistico, sfiderà il Milan, che sta spingendo sull’acceleratore per recuperare il terreno perduto in classifica e magari trasformare in realtà il sogno Europa League annata 2010-2021, in un match tutto da seguire. Come potete facilmente comprendere, la sfida tra i due volti della Milano pallonara sarà avvincente proprio perché i team protagonisti hanno precisi obiettivi da conseguire. Si potrebbe obiettare, giustamente, che, anche se non ci fosse nulla in palio, un incontro come quello che vedrà di fronte nerazzurri e rossoneri non è mai un semplice confronto. Concordiamo in pieno con tale affermazione, ma crediamo che assistere a un derby che potrebbe in un certo qualmodo influenzare o la corsa scudetto o la rincorsa alla ex-Coppa Uefa non abbia uguali. Visto che mancano ancora alcuni giorni prima del grande evento, che ne dite di ingannare insieme l’attesa parlando un po’ della partita che andremo a gustarci dal primo all’ultimo minuto? Come arrivano le due squadre alla stracittadina? Quale sarà il team favorito e per quale motivo? Proveremo a rispondere a tutte queste domande.


L’armata di Conte tra nuovi acquisti e il ritorno alla vittoria

Dopo i brutti pareggi contro Lecce e Cagliari, l’armata di Conte sembrava sul punto di rallentare la propria corsa sulla Juventus. Poi la vittoria in Coppa Italia con la Fiorentina e quella contro l’Udinese in campionato hanno ridato un po’ di morale alla formazione del tecnico leccese. L’Inter con queste due vittorie ha ritrovato inoltre, come per magia, quello slancio e quella voglia di azzannare l’avversario che sembravano ormai perdute. Non solo: grazie ad un mercato invernale che definiremmo faraonico, i nerazzurri hanno “assoldato” tre nuovi giocatori di primissimo livello come Eriksen, Young e Moses. Poter disporre di player così esperti è una manna dal cielo per una Beneamata che, fino a Natale, vinceva “con la lingua di fuori” e non convinceva. Ora la rosa è più completa, più forte e più attrezzata per provare a vincere il torneo di Serie A 2019-2020. Milan avvisato…


Un Diavolo ormai risorto

Il Milan, dal canto suo, non disporrà certo di un 11 titolare forte e valente come quello dei cugini, ma ha un Ibra che, alla veneranda età di 38 anni, non solo sa ancora come regalare magie ma anche aiutare il Diavolo a risorgere dalle sue ceneri come un’araba fenice.  Il suo arrivo è infatti coinciso con la scalata rossonera con destinazione piazzamento in Europa. Con una media punti di 2,6 (prima del ritorno di Zlatan era la metà circa) i rossoneri adesso vincono e segnano. Il pareggio con il Verona non deve certo allarmare perché lo svedese, assente in quell’occasione, al derby ci sarà eccome. La sua voglia di castigare l’ex squadra, dove ha militato con il talentuoso Mario Balotelli, lo spronerà a dare il massimo per la vittoria finale. Ed i compagni lo seguiranno di certo, contateci.


Inter favorita ma occhio a Ibra…

Il derby della Madonnina non è mai una partita come un’altra: al di là di qualsivoglia punteggio in classifica, le contendenti nerazzurre e rossonere giocheranno mettendoci tutto l’impegno possibile, sia per l’onore sia per la volontà di primeggiare nei confronti dei rispettivi cugini. Sebbene l’Inter parta sicuramente favorita poiché da un lato vanta una continuità in termini di risultati non paragonabile a quella dei rossoneri e dall’altro lato dispone della difesa più forte del campionato, non è escluso che l’unico giocatore in grado di fare davvero la differenza nel Milan, ossia Ibrahimovic, possa inventarsi un goal dal nulla. Come si sa, basterebbe un’unica fiammata dello svedese ed ecco che la più forte squadra di Conte potrebbe soccombere contro quella più debole allenata da Pioli. E addio pronostici!


Gli episodi saranno decisivi

In questo derby, secondo il nostro punto di vista, saranno gli episodi a influenzare il risultato finale. Anche se assisteremo ad una partita che vedrà l’Inter dominare, almeno nei minuti iniziali, ed un Milan che proverà invece a ripartire, non potranno essere sottovalutate quelle situazioni, spesso imprevedibili, che si creano nell’arco di 90 minuti. Una marcatura non efficace, un fallo sciocco all’interno dell’area di rigore o un tiro deviato possono vanificare in un baleno gli sforzi titanici di entrambe le formazioni in campo.