Parte la Coppa America

249

Sabato 15 giugno inizia la Coppa America, con 3 gironi in cui 12 squadre si daranno battaglia. Le favorite per i bookmakers sono Uruguay, Argentina e Brasile, ma non ci sorprenderebbe se alla fine a spuntarla sarà un’altra nazionale.

 

Il girone A

Le 4 squadre di questo girone sono: Brasile, Bolivia, Venezuela e Perù. I pronostici vanno ovviamente a favore del Brasile, anche se probabilmente dovrà fare a meno di Neymar. L’unica compagine che potrebbe impensierire i verdeoro è il Perù. Venezuela e Bolivia dovrebbero avere invece soltanto un ruolo marginale.

CALENDARIO

15 giugno ore 02:30
Brasile – Bolivia
15 giugno ore 21:00
Venezuela – Perù
18 giugno ore 23:30
Bolivia – Perù
19 giugno ore 02:30
Brasile – Venezuela
22 giugno ore 21:00
Perù – Brasile
Bolivia – Venezuela

 

Il girone B

Le 4 squadre di questo girone sono: Argentina, Colombia, Paraguay e Qatar. Quartetto più equilibrato rispetto al girone A, almeno per la sfida al primo posto, che verosimilmente sarà conteso tra Argentina e Colombia, anche per chi si sta divertendo a fare pronostici su marathonbet.it. La rivelazione potrebbe essere il Paraguay, mentre il Qatar difficilmente porterà a casa punti.

CALENDARIO

16 giugno ore 00:00
Argentina – Colombia
16 giugno ore 21:00
Paraguay – Qatar
19 giugno ore 23:30
Colombia – Qatar
20 giugno ore 02:30
Argentina – Paraguay
23 giugno ore 21:00
Qatar – Argentina
Colombia – Paraguay

 

Il girone C

Le squadre di questo girone sono: Uruguay, Ecuador, Giappone e Cile. Questo è sicuramente il gruppo più incerto e livellato: Uruguay e Cile sono un passo avanti, ma Ecuador e Giappone non sono nazionali da prendere sottogamba.

CALENDARIO

17 giugno ore 00:00
Uruguay – Ecuador
18 giugno ore 01:00
Giappone – Cile
21 giugno ore 01:00
Uruguay – Giappone
22 giugno ore 01:00
Ecuador – Cile
25 giugno ore 01:00
Cile – Uruguay
Ecuador – Giappone

 

Il regolamento

Le 12 squadre partecipanti sono divise in 3 gruppi da 4 ciascuno, che si sfidano con un girone all’italiana. Passano di diritto le prime due classificate e le migliori due terze. Naturalmente, nel caso in cui due o più squadre dovessero finire in parità di punteggio, la classifica finale verrebbe decisa secondo i criteri di spareggio, che tengono conto prima della miglior differenza reti, poi dei gol segnati, e solo dopo dello scontro diretto. In caso di perfetta parità ulteriore, si procederà per sorteggio. Ove invece dovessero essere in parità le due squadre che giocano tra loro l’ultima partita nel girone, allora lo spareggio sarà determinato dai calci di rigore. Nei quarti di finale non potranno sfidarsi squadre che appartenevano allo stesso girone, le vincenti si qualificheranno alle semifinali e, infine, alla finale, con le due perdenti a sfidarsi per il terzo posto. Tutte le partite sono ad eliminazione diretta e a risultato secco, quindi destinate a proseguire con tempi supplementari e rigori, qualora dovessero terminare in pareggio i 90 minuti regolamentari.