La finale di Coppa America: Brasile – Perù

156

Sarà una finale anomala, quella che si giocherà domenica sera in Brasile per stabilire chi vincerà la Coppa America 2019, tra Brasile e Perù. La sorpresa ovviamente è il Perù, mentre i carioca erano i favoriti già prima dell’inizio e della competizione e lo sono ancora.

I verdeoro hanno battuto in semifinale 2-0 l’Argentina con un gol per tempo allo splendido stadio Mineirao di Belo Horizonte, lo stesso stadio dove 5 anni fa persero 7-1 contro la Germania al Mondiale 2014. I protagonisti sono stati la coppia d’attaccanti Gabriel Jesus e Firmino, autori di una rete e di un assist a testa. Niente da fare anche questa volta per Messi e compagni. L’Argentina può recriminare per due pali colpiti e un rigore non concesso su Aguero sul risultato di 1-0 per il Brasile. Al termine della partita molte polemiche sull’arbitraggio, a detta degli argentini favorevole per i padroni di casa.

Nella seconda semifinale il Perù ha inaspettatamente battuto 3-0 il Cile campione in carica, conquistando così l’accesso alla finale contro il Brasile, squadra che ha già affrontato nella fase a gironi perdendo con un secco 5-0. Il Cile ha dovuto subire per oltre un’ora un grande calcio espresso dai peruviani. La formazione allenata da Gareca ha messo al sicuro il risultato già nel primo tempo, approfittando di un Cile non all’altezza della situazione. Nella ripresa però il Perù è stato messo alle corde, salvato da un palo e dal suo portiere Gallese che ha parato un calcio di rigore a Vargas, che ha tentato il cucchiaio. Successivamente sono arrivati i colpi del definitivo ko cileno. Per chi vuole divertirsi sulla lavagna di Marathonbet, domenica Gareca sogna di prendersi la più dolce delle rivincite, anche se il Brasile, padrone di casa ha tutti i favori del pronostico. Per il Cile invece ci sarà la finalina del terzo e quarto posto contro l’Argentina, partita che si giocherà sabato sera.

Il torneo della Coppa America 2019 ha visto capitolare squadre del calibro dell’Uruguay, eliminato dal Perù, della Colombia, che dopo il brillante girone di qualificazione, ha lasciato il passo dopo i calci di rigore con il Cile, e della stessa Argentina, che con i suoi fuoriclasse non è riuscita ad approfittare di un Brasile orfano di Neymar. Pochi nuovi giocatori si sono messi in evidenza, Lautaro Martinez, Firmino e Coutinho, sono quelli che si sono maggiormente distinti per la loro classe.