Europei 2020, ripartono le qualificazioni

49

I campionati di calcio si fermano per fare spazio alle nazionali impegnate nelle qualificazioni per gli Europei di calcio 2020. In occasione del 60° anniversario dalla nascita del torneo, la fase finale non avrà luogo in una singola nazione, ma in 12 distinte città europee.

Le semifinali e la finale si disputeranno al Wembley Stadium di Londra, mentre la partita inaugurale si terrà allo Stadio Olimpico di Roma. Sarà il primo europeo a sedi miste e nessuna sarà qualificata come squadra ospitante. Parteciperanno 20 nazionali che arrivano dalle qualificazioni e 4 dalla Uefa Nations League.

L’Italia è pronta a scendere in campo per la sua 5° sfida di qualificazione del Gruppo J. Giovedì 5 settembre a Erevan contro l’Armenia, la compagine allenata dal Ct Roberto Mancini, ancora a punteggio pieno, va a caccia dei 3 punti per allungare ulteriormente sulla terza posizione, detenuta proprio dall’Armenia. Mentre tre giorni dopo gli azzurri giocheranno in trasferta in Finlandia. Gli scandinavi seguono al secondo posto del girone con 3 vittorie e un’unica sconfitta, proprio contro gli azzurri. L’Italia affronterà queste due partite con assenze importanti, come quelle di Insigne, Chiellini, De Sciglio e Cristante. Per sopperire a queste defezioni sono stati convocati Acerbi, D’Ambrosio e Tonali. Al momento dell’ufficializzazione della notizia, quest’ultimo si trovava in ritiro con l’Under 21 a Catania e ha raggiunto la nazionale maggiore a Bologna nella giornata di martedì. Per lui si tratta di una prima volta assoluta. Per la sostituzione di Insigne, Mancini si è già cautelato convocando anche il centrocampista del Friburgo Vincenzo Grifo, già chiamato dal Ct in una delle sue prime uscite. Uno degli incontri più emozionanti di questo turno sarà quello tra Germania e Olanda, nel Gruppo C. Il girone è comandato dall’Irlanda del Nord, con quattro vittorie ottenute contro Bielorussia ed Estonia, mentre la Germania è seconda con 9 punti, ma una partita in meno, seguono gli Orange, con soltanto 3 punti in due partite. All’andata fu una partita spettacolare, con il gol decisivo di Schulz al 90°.

 

LE PARTITE PIÙ INTERESSANTI DI QUESTO TURNO
(2-8 SETTEMBRE)

Giovedì 5 settembre
18.00 Armenia – Italia
20.45 Bosnia ed Erzegovina – Liechtenstein
20.45 Finlandia – Grecia
20.45 Gibilterra – Danimarca
20.45 Irlanda – Svizzera
20.45 Romania – Spagna

Venerdì 6 settembre
18.00 Cipro – Kazakistan
20.45 Austria – Lettonia
20.45 Galles – Azerbaigian
20.45 Germania – Olanda
20.45 San Marino – Belgio
20.45 Scozia – Russia
20.45 Slovacchia – Croazia
20.45 Slovenia – Polonia

Sabato 7 settembre
15.00 Kosovo – Repubblica Ceca
18.00 Inghilterra – Bulgaria
18.00 Islanda – Moldavia
18.00 Lituania – Ucraina
20.45 Francia – Albania
20.45 Serbia – Portogallo
20.45 Turchia – Andorra

Domenica 8 settembre
15.00 Spagna – Isole Fær Øer
18.00 Armenia – Bosnia ed Erzegovina
18.00 Svizzera – Gibilterra
20.45 Finlandia – Italia
20.45 Grecia – Liechtenstein
20.45 Svezia – Norvegia