NBA, i Golden State vincono la quinta sfida

129

Dopo il 3-1 dei Toronto i Warriors annullano il primo match point, vincendo la quinta partita e restando in gara per il titolo NBA. I Warriors si sono imposti 106-105 al termine di una partita emozionante, decisa solamente nei secondi finali. Trascinati da Curry, 31 punti e Thompson, 26 punti, hanno però riperso Durant, appena rientrato dall’infortunio. Il campione ha dovuto abdicare nuovamente per un nuovo dolore al tendine d’Achille. Per i Toronto inutile la doppia cifra di 26 punti e 12 rimbalzi di Leonard.

Sono state davvero tante le emozioni di questa finale: i Raptors sono partiti con poche speranze di vittoria, ma dopo il 3-1 , nella quinta partita, giocata davanti al proprio pubblico, che ha gremito in ogni posto la Scotiabank Arena di Toronto, ad un certo punto hanno avuto la sindrome del ‘braccino del tennista’. A pochi minuti dalla fine, sul 103-97, era tutto pronto per la festa, ma il parziale di 2-9, ha lasciato ancora viva questa splendida finale.

Gara 5 racchiude le emozioni di questa lunga sfida, che potrebbe prolungarsi per almeno altre due partite. La vittoria in volata rafforza l’autostima di una squadra, che deve combattere anche contro la sfortuna di non disporre di Kevin Durant. La sua partita è durata soltanto 12 minuti, durante i quali ha realizzato 11 punti. Poi, dopo un tentativo di incrocio in palleggio sotto le gambe di fronte a Serge Ibaka, il cestista ha appoggiato il piede a terra e si è visto costretto a mollare subito la presa sul pallone e a zoppicare verso la linea laterale. A saltare, questa volta, è il tendine d’Achille, un guaio serio, che scrive la parola fine sulla serie. L’infortunio di Durant, ha scosso i Warriors e tutti i componenti, anche quelli meno utilizzati, si sono sentiti più responsabilizzati.

Curry segna 23 punti nel solo primo tempo, conclude poi con 31 punti, a cui si aggiungono i 26 di Klay Thompson. Malgrado tutto, i Raptors a 15 secondi dal termine hanno avuto tra le mani il pallone che poteva valere il traguardo, ma la tripla di Kyle Lowry, finisce contro il tabellone anche grazie alla stoppata del solito Draymond Green, autore di una prova da 10 punti, 8 rimbalzi e 8 assist. Per Toronto il rammarico è enorme, ed adesso devono affrontare i Golden State all’Oracle Arena, dove i Warriors proveranno a riportare tutto in parità con la consapevolezza che questa serie è tutt’altro che chiusa.

Per chi si diverte a fare pronostici sul basket sulla lavagna di Marathonbet.it, le quote mostrano i Toronto sempre favoriti, ma mai dare per morti i ragazzi di Steve Kerr, che se dovessero vincere la prossima gara, regalerebbero agli appassionati e agli scommettitori una gara 7 indimenticabile.